Text page

Roma

Vino, olio, salumi e formaggi sono i tesori dell'entroterra romano, che costruiscono una tradizione culinaria di origine contadina. Nella zona di Cerveteri si coltivano i gustosi carciofi locali, mentre la zona intorno a Nemi è famosa per le sue deliziose fragole. Il pane è la specialità di Lariano e Genzano, il maialino di Ariccia assaggiato nelle tipiche fraschette (le taverne), le ciliegie di Palombara Sabina. Tra gli altri prodotti tipici ci sono castagne, fave, pesche, fichi e olive. I piatti tipici della tradizione laziale sono i piatti universalmente noti ed apprezzati della cucina romana, come l'Amatriciana con cubetti di pancetta, rigatoni alla carbonara, spaghetti cacio e pepe (formaggio e pepe), pennette all'arrabbiata. I legumi di fagioli, fave, ceci e lenticchie, tipici del paese, sono numerosi. Una preparazione tipica a base di   carne è l'agnello del re dei tribunali, ma ci sono anche la coda alla vaccinara, trippa e pajata. Il tipico formaggio laziale è il pecorino dal sapore intenso, spesso grattugiato con i primi piatti o servito a pezzi. I prodotti da forno sono semplici e fragranti, come il pane, in base al quale ha ricevuto il Genzano IGT (Denominazione d'origine geografica), biscotti, tozzetti, mostaccioli, ciambelline al vino (ciambelline al vino) e la famosa pupazza da Frascati. Undici vini DOC sono prodotti in questa zona: Zagarolo, Montecompatri-Colonna, Frascati, Marino, Colli Albani, Colli Lanuvini, Velletri, Casanesi di Olvano Romano, Genazzano, Castelli Romani e Cori. Numerosi vini da tavola portano la designazione IGT.